IN EVIDENZA

George Washington 

BREVE BIOGRAFIA
George Washington nasce a Bridges Creek, in Virginia, il 22 Febbraio 1732.
Cresciuto senza la figura paterna, dai 12 anni, il piccolo George è cresciuto con la madre e il fratello.

Fino all’età di 15 anni Washington frequentò la scuola presso Williamsburg.
Poco dopo, durante un periodo di lavoro in Pennsylvania, Washington accumulò una notevole esperienza sull’organizzazione e sulle interazioni fra persone, conoscendo delle personalità molto importanti.
Nel 1752 si arruolò nelle milizie della Virginia che difendeva le colonie dagli attacchi degli indiani e dei francesi.
Da questo stesso anno, ricoprì il ruolo di deputato e di giudice di pace a Fredericksburg.
Poiché proveniva da una famiglia benestante, gli venne conferito immediatamente il grado di maggiore.
L’arrivo del generale Braddock, mutò completamente la visione patriottica del giovane George, che si sentì per la prima volta “americano”.
Fu nominato prima aiutante in campo e successivamente ottenne il grado di colonnello.

A 23 anni, dopo il ferimento del generale Braddock, fu nominato comandante in capo. Un anno dopo, aveva già accumulato una notevole esperienza in ambito bellico.
Nel 1758, ebbe un ruolo fondamentale nella vittoria sul fronte francese di Duquesne, nei pressi dell’odierna Pittsburgh.
Un anno dopo, si sposò con Martha Dandridge Curtis. La coppia non ebbe figli, ma Washington adottò i figli che la moglie aveva avuto durante il suo precedente matrimonio.

CARRIERA POLITICA
Eletto nel parlamento della Virginia, conobbe Thomas Jefferson ed altre personalità rilevanti.

Dopo i fatti di Boston del 1774, su richiesta del governatore del Maryland, fu nominato deputato del Congresso continentale e l’anno seguente, il 15 giugno 1775, su richiesta dello stesso Presidente del Congresso continentale John Hancock, fu nominato comandante supremo delle forze indipendentiste.

Il 26 dicembre 1776 attraversò, alla testa dei suoi uomini, il fiume Delawere, sconfiggendo le truppe inglesi a Trenton in New Jersey, mentre l’anno seguente il generale Horatio Gates e il comandante del Benedict Arnold sconfissero gli inglesi nella battaglia di Saratoga, dando l’opportunità ai coloni di guadagnarsi il riconoscimento politico della Francia, che garantirà in seguito un sostegno importante alle forze della milizia.

Nel 1781 Washington riuscì, infine, con l’aiuto delle truppe francesi, condotte da La Fayette, a sconfiggere le truppe inglesi nella battagli di Yorktown, ponendo di fatto fine alle ambizioni inglesi di dominio delle 13 colonie. Nel trattato di Parigi, l’Inghilterra riconobbe l’indipendenza delle colonie ponendo così fine alla cosiddetta guerra di indipendenza americana.

Dal maggio del 1787 fino al settembre dello stesso anno, Washington fu il presidente della Convenzione di Philadelphia. Per consuetudine, il ruolo ricoperto, non consentiva la presa di posizioni durante i dibattiti, Washington, al contrario, prese la parola molte volte per sostenere un potere esecutivo forte e un sistema politico basato su due schieramenti.

La richiesta di Washington di un potere esecutivo forte fu infine accolta dal Congresso, concentrando gli sforzi nella creazione di un sistema presidenziale nel quale il Presidente stesso godeva di poteri di veto e di poteri più forti rispetto a quelli dei singoli governatori. Il Presidente aveva quindi il comando su tutte le forze armate e aveva il potere di nominare i giudici della Corte Suprema.

Il 4 Febbraio 1789, Washington fu eletto primo Presidente degli Stati Uniti d’America.

Embed from Getty Images

Nel suo gabinetto, fra gli altri, ricordiamo John Adams e Thomas Jefferson, rispettivamente Vice Presidente e Segretario di Stato.
Durante la presidenza, oltre le 13 colonie originarie, Washington riuscì ad annettere, quali 14º, 15º e 16º, rispettivamente il Vermont, il Kentucky e il Tennessee.

Dopo che nel 1797 andò a termine anche il suo secondo mandato di Presidente degli Stati Uniti fu rieletto nuovamente, ma rifiutò il terzo mandato sostenendo che era pericoloso accentrare il potere per troppo tempo nelle mani di un solo uomo. Washington si ritirò quindi completamente dalla vita politica.

Nel 1798, fu nominato da John Adams comandante in capo dell’esercito per fronteggiare l’imminente guerra con i francesi, anche se alla fine la nomina si rivelò superflua, poiché i rapporti fra i paesi migliorarono.

Morì a Mount Vernon il 4 Dicembre 1799.

FRASI

1- “Un esercito è chiamato a servire un Paese, non a governarlo.”

2- “La base del nostro sistema politico è il diritto della gente di fare e di cambiare la costituzione del loro governo.”

3- “La vera amicizia è una pianta che cresce lentamente e deve passare attraverso i traumi delle avversità perché la si possa chiamare tale.”
CURIOSITÀ
1- Washington chiamava i suoi figli adottivi “Jackie” e “Patsy”, mentre in realtà i loro nomi erano John e Martha.

2- Quando divenne Presidente, Washington aveva solo tre denti e una dentiera fatta con ossa di ippopotamo su cui erano inseriti molari e premolari umani.

3- È stato l’unico Presidente ad essere eletto in un giorno dispari.

4- È stato l’unico Presidente ad essere eletto senza alcun voto contrario.

5- È uno dei quattro Presidenti scolpiti sul Monte Rushmore.

6- La festa dei Presidenti è celebrata, a livello federale, il terzo lunedì di Febbraio, nata per commemorare il compleanno di Washington, ha infatti, come secondo nome “Washington’s Birthday”.

Informazioni su salvatorestanizzi ()
Laureando in Giurisprudenza. Vivo la mia vita una pagina alla volta, senza fretta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: